Il caffè di cicoria: proprietà

postato in: Approfondimenti | 0

Il caffè di cicoria è una bevanda senza caffeina che si ricava dalle radici della Chicorium intybus. La bevanda è molto utile per stimolare la digestione ed è utilizzata anche per la sua capacità di regolare la funzionalità intestinale. Conosciamola più nel dettaglio.

La pianta di cicoria

La cicoria è una pianta spontanea che si può trovare in molte zone del nostro Paese: un tempo essa veniva raccolta per le sue proprietà curative ed alimentari. Le foglie della cicoria hanno un sapore amaro e sono ottime come ripieni per torte salate oppure più semplicemente bollite in acqua e condite con un pizzico di sale, succo di limone ed un filo di olio extravergine d’oliva. L’uso alimentare della cicoria è tipico della tradizione contadina; la pianta era infatti raccolta per la preparazione delle misticanze di campo.

In tarda primavera la pianta di cicoria produce alcune infiorescenze dal colore indaco azzurro: questi fiori vengono utilizzati per la preparazione del rimedio Cicory dei fiori di Bach.
I fiori, una volta impollinati, producono dei frutti che si spargono grazie al vento. Infine la cicoria ha una radice a fittone molto lunga ed affusolata che viene utilizzata proprio per la preparazione dei caffè di cicoria.

Il caffè di cicoria

La radice della cicoria viene raccolta in autunno, per poi esser pulita, essiccata e ridotta in polvere con l’obiettivo di esser trasformata in una bevanda simile al caffè. La radice di cicoria, infatti, ha un sapore molto amaro e con l’essicazione ed una leggera tostatura assume un sapore simile a quello del caffè.

Il caffè di cicoria è una bevanda che è stata molto utilizzata nei momenti di scarsa economia, durante la guerra quando il caffè era introvabile e molto costoso oppure prima che il caffè venisse importato in Europa. I nostri nonni, quelli che hanno vissuto durante la II° Guerra Mondiale, si ricorderanno ancora il profumo di tostatura delle radici di cicoria ed anche il bollitore sulla stufa a legna con cui si preparava questa bevanda simile al caffè.

Oggi, questa bevanda sta rientrando nella nostra alimentazione quotidiana grazie al suo gusto gradevole ed ai suoi effetti benefici sul corpo.

Benefici del caffè di cicoria

La cicoria è uno stimolante della digestione ed è capace di regolare la funzionalità intestinale. Quindi, dopo un pasto abbondante, è meglio scegliere il caffè di cicoria. Le sostanze presenti in questa bevanda aiutano la produzione della bile e facilitano la digestione, in particolare dei grassi.

Più in generale, la cicoria è considerata da sempre una pianta amica del fegato: il suo sapore amaro sollecita la funzionalità epatica e depura i sangue. La radice, in modo particolare, contiene sostanze amare che sono molto efficaci e svolgono un’azione stimolante del fegato rallentando lo stress ossidativo e riducendo eventuali danni epatici presenti.

Nel caffè di cicoria, infatti, sono presenti sostanze detossificanti che oltre ad aiutare il fegao a lavorare meglio, sono in grado di regolarizzare le funzioni dell’intestino e dei reni. La radice di cicoria è ricca di polifenoli che sono forti antiossidanti che contrastano i radicali liberi con effetto antinvecchiamento; inoltre hanno un’azione protettiva sul sistema cardiovascolare.

Nella radice della cicoria è presente l’inulina, una fibra solubile ad azione riequilibrante della flora batterica intestinale, in grado di riequilibrare i livelli di zucchero nel sangue. Questa sostanza nutre la microflora intestinale buona presente nell’intestino e la rende più forte e attiva: la flora intestinale è uno strumento di difesa contro eventuali attacchi di batteri patogeni. Un recente studio clinico ha dimostrato che la radice di cicoria è utile contro l’attacco di malattie fungine e in caso di salmonella.

Un’altro pregio del caffè di cicoria è quello di aiutare a combattere gli inestetismi della pelle e diminuire l’arrossamento cutaneo.

L’assenza di caffeina è un altro vantaggio del caffè di cicoria, rendendolo una valida alternative per chi vuole sostituire il classico caffè. Molto meglio un buon caffè di cicoria a fine pasto (è digestivo) che un caffè tradizionale!

In commercio si trovano diverse tipologie di caffè di cicoria:

in grani: ottimo per la moka. Unica accortezza è che, essendo granuloso, bisogna riempire il filtro della moka solo per 3/4. Per chi gradisce una bevanda più allungata, si mette un cucchiaio di caffè di cicoria in un pentolino con dell’acqua: far bollire, filtrare ed ecco pronta una bella tazza di caffè di cicoria.

solubile: in polvere, basta aggiungere dell’acqua calda ed ecco pronta una buona tazza di caffè di cicoria. Ottimo anche da aggiungere al latte (vegetale o vaccino).

stick solubile monodose: per chi non vuole rinunciare al gusto del caffè di cicoria anche al lavoro. Praticissime confezioni monodose da 2.5 gr da sciogliere in acqua calda.

Caffè di cicoria in grani e solubile
Caffè di cicoria solubile in stick monodose